Loop station software: una buona alternativa alle looper hardware?

Finora abbiamo parlato principalmente di loop station hardware. Nel tempo della digitalizzazione ubiquitaria, tuttavia, fra le varie cose non sorprende che esistano già diversi software per musicisti in grado di sostituire i dispositivi looper convenzionali. In questa guida, vogliamo analizzare l’offerta presente sul mercato per quanto riguarda i loop station software.

Perché un looper software ti può essere utile

In primo luogo, in qualità di chitarrista o bassista, probabilmente ti starai chiedendo perché dovresti preferire un loop software per PC o Mac invece di una loop station dedicata. Se anche fossi un cantante o beatboxer, potresti dover affrontare considerazioni simili. In genere i vantaggi a favore di un looper software sono quelli elencati di seguito:

  • Costi: Un loop software per PC o Mac di discreta qualità può essere disponibile anche gratuitamente. Al contempo, un principiante potrebbe voler evitare di spendere molti soldi per acquistare una loop station hardware. Sebbene di fatto esistano dispositivi relativamente economici per i chitarristi, sono spesso molto meno flessibili della controparte software.
  • Flessibilità: I loop station software sono spesso disponibili sotto forma di plugin per Digital Audio Workstation (DAW). Una DAW offre innumerevoli possibilità per adattare il suono alle proprie esigenze e per combinare vari plugin tra loro. In termini di flessibilità, le looper hardware spesso non riescono a tenere il passo e, quando lo fanno, sono le loop station più costose controllabili tramite MIDI e simili e integrate in una configurazione più complessa.
  • Più risorse: Un loop software per PC non ha le stesse limitazioni di una looper hardware. Ad esempio, per un loop station software il numero di overdubs registrabili o la lunghezza dei loop dipende esclusivamente dalla quantità di memoria e RAM del PC e dal carico che la CPU può gestire. Inutile dire che un PC dispone naturalmente di molte più risorse in tal senso rispetto a una looper hardware.

Uno dei motivi che nel tempo ha impedito a molti chitarristi di affidarsi a soluzioni software è senza dubbio la qualità del suono. Mentre molti altri strumenti come i pianoforti sono simulabili da PC con una qualità impressionante già da molti anni, storicamente i chitarristi non hanno avuto molta fortuna in tal senso. Tuttavia, adesso la qualità dei plugin per chitarra per i software musicali è migliorata in maniera sostanziale, anche se i puristi e i perfezionisti del suono probabilmente preferiscono ancora fare affidamento esclusivamente sui loro dispositivi hardware.

Fortunatamente, un chitarrista può decidere liberamente quanto o quanto poco software desideri utilizzare poichè l’hardware può essere combinato con soluzioni software in modo relativamente semplice. In altre parole, solo perché ti affidi ad un looper software non significa che non puoi più utilizzare i dispositivi con effetti analogici.

Ad ogni modo, se vogliamo essere del tutto onesti, non possiamo ignorare quanto segue: sfortunatamente, è ancora difficile cavarsela senza hardware, poiché difficilmente si dispone di un PC o un laptop a cui si può semplicemente collegare la chitarra. Per collegare la chitarra al PC, bisogna disporre di un’interfaccia audio a cui connettere la chitarra e che funga da adattatore per il PC.

Descrivere il funzionamento nel dettaglio va oltre lo scopo di questo articolo. Quindi ecco solo un breve suggerimento: se hai già un dispositivo multieffetto per la tua chitarra con una connessione USB, è altamente probabile che possa fungere da interfaccia audio USB in modo da consentirti di registrare direttamente nella DAW di tua scelta.

Loop station software a pagamento

Anche se esistono alcune soluzioni gratuite per quanto riguarda i looper software, può avere senso investire un po’ di soldi in una soluzione professionale. Questi software di solito non sono dei semplici loop software separati per PC, ma delle vere e proprie Digital Audio Workstation complete che fungono da host per il funzionamento dei plugin VST (spesso gratuiti). In questa sezione esamineremo due famose DAW e chiariremo cosa possono fare in termini di looping.

Ableton Live

Il nome Ableton è certamente già noto a molti musicisti e a buona ragione. Il produttore di software musicale di Berlino esiste da decenni e la società è uno dei tre maggiori sviluppatori di software sequencer per musicisti professionisti in tutto il mondo. Il prodotto di punta di Ableton è Ableton Live, un sequencer o DAW che si rivolge principalmente a DJ e produttori musicali ed è attualmente venduto nella versione 11. Ableton Live è sempre più presente sui palchi dei musicisti dal vivo, per qualcosa come la metà dei playback .

Nell’ultima versione del software, Ableton Live 10, Ableton ha aggiunto numerose funzionalità alla sua app che la rendono interessante anche per chitarristi e bassisti. Ableton Live include già una looper e quindi non richiede alcun plugin aggiuntivo per essere utilizzato come loop station software.

Attualmente (marzo 2021), Ableton Live 11 costa nella versione download circa 350 euro. È possibile ottenere una versione di prova gratuita sul sito web del produttore. Il programma è disponibile sia per Windows che per Mac. Per la versione Windows è necessario un PC con Windows 10 e un processore multicore ragionevolmente aggiornato (ad esempio Intel Core i5 o AMD Ryzen), oltre ad almeno 8 gigabyte di RAM. Ableton consiglia anche 76 gigabyte di spazio libero per l’installazione di contenuti aggiuntivi, se possibile, ma almeno 3 gigabyte per l’installazione dell’app. La versione per Mac ha gli stessi requisiti di memoria e RAM e richiede un Mac con Intel Core i5 e almeno OS X 10.13.

Ableton Live come loop station software

In linea di principio, la looper in Ableton Live è molto simile a una looper hardware. La funzionalità looper del programma è raggruppata in una piccola finestra all’interno dell’app. La looper è implementata come uno “strumento” separato in Ableton Live e puoi avviarne un’istanza facendo clic su “Effetto audio” all’estrema sinistra nella finestra principale, quindi “Looper” e infine cliccando su una delle versioni di looper disponibili nell’area grigia sottostante al centro. È possibile scegliere tra looper con diverse lunghezze di loop, sebbene la lunghezza del loop possa essere regolata anche in un secondo momento.

Dopo aver aggiunto una looper, è possibile avviare la registrazione facendo clic sul grande pulsante di riproduzione presente nella finestra della looper. Per terminare la registrazione è sufficiente cliccare nuovamente sullo stesso pulsante. Per creare un overdub, bisogna cliccare di nuovo a seguire sul pulsante. Un display colorato sopra i pulsanti mostra a che punto del loop ci si trova e se è in corso una registrazione. Questo indicatore è blu durante la riproduzione e arancione durante la registrazione.

Se non si è soddisfatti di un overdub, si può semplicemente annullarlo facendo clic sul piccolo pulsante “Undo”. Immediatamente sotto questo pulsante se ne trova un altro per eliminare tutte le registrazioni della rispettiva istanza della looper.

In particolare, è da sottolineare come in Ableton Live ogni funzione possa essere controllata anche tramite MIDI. Ad esempio, le singole funzioni della looper possono essere utilizzate tramite un pedale MIDI esterno senza usufruire del mouse o della tastiera.

Looper in Ableton Live

Nel complesso, la looper in Ableton Live a prima vista sembra abbastanza rudimentale, ma a un esame più attento si nota come in realtà è possibile settare svariate impostazioni. Le registrazioni vengono regolate automaticamente in base al ritmo. È presente anche una funzione di riproduzione a ritroso associata al pulsante corrispondente. Poiché la looper viene trattata come un qualsiasi altro strumento, è anche facile creare più istanze.

A proposito dell’area con su scritto “Drag Me!” è possibile importare ed esportare (i tuoi) loop facendo Drag & Drop sull’area etichettata del looper. Se si desidera modificare la lunghezza del loop, è possibile utilizzare i due piccoli pulsanti sotto il display. Il primo di questi pulsanti dimezza la lunghezza del loop mantenendo solo la metà della registrazione attualmente in riproduzione. Se invece si clicca sul pulsante accanto, la lunghezza del loop viene raddoppiata copiando la registrazione precedente e aggiungendola alla fine.

A nostro avviso, la funzione di aiuto interattivo su Ableton Live, presente in basso a sinistra sulla finestra principale, è molto pratica. Le informazioni relative al contesto sull’elemento di controllo su cui si trova attualmente il puntatore del mouse vengono sempre visualizzate qui.

Se pur piacendoti il resto del programma la Looper Ableton Live ti appare un po’ troppo semplice, allora puoi anche usufruire di un plugin looper separato. Alcuni di questi plugin verranno brevemente introdotti più avanti in questo articolo. Per scoprire come funziona l’installazione di un plugin VST in Ableton Live puoi fare riferimento a questo articolo di supporto di Ableton.

Image-Line FL Studio

FL Studio Screenshot Looping Software

Fonte: https://www.elevator.de/image-line-fl-studio-20-producer-edition-box-version.html

FL Studio, precedentemente noto come “FruityLoops”, è simile ad Ableton Live come sequencer audio e MIDI o Digital Audio Workstation. Il programma è disponibile per Windows e Mac e può essere utilizzato per registrare loop senza dispositivi ausiliari.

La “Studio Producer Edition di FL Studio è attualmente (marzo 2021) in vendita a circa 170-200 euro. Una particolarità decisamente piacevole di FL Studio è che dopo l’acquisto della versione completa, secondo il produttore, gli aggiornamenti successivi saranno disponibili a vita gratuitamente. Oltre alla versione desktop, FL Studio ha anche una versione mobile ridotta per iOS e Android che può essere acquistata per una frazione del prezzo del fratello maggiore.

Come ci si può aspettare da una DAW, FL Studio è anche un host di plugin VST e può quindi essere espanso per includere strumenti ed effetti attraverso svariati plugin gratuiti e a pagamento. I requisiti di sistema per FL Studio sono leggermente inferiori a quelli per Ableton Live. FL Studio funziona anche su Windows 7 e si accontenta di 4 gigabyte di RAM.

Con FL Studio ci sono fondamentalmente diversi modi con cui si può creare un loop. Uno dei modi migliori per registrare gli strumenti è con il plugin Edison incluso. Il funzionamento del plugin Edison può essere analizzato nel dettaglio nella pagina di aiuto. Purtroppo l’operazione non ha più molto in comune con quella dei looper hardware. In tal senso, una buona alternativa potrebbe essere quella di integrare uno dei plugin VST menzionati di seguito nell’articolo.

Augustus Loop

Augustus Loop è un’emulazione digitale di un effetto delay a nastro magnetico e di una looper sotto forma di plugin VST. L’interfaccia di Augustus Loop sembra un po’ complicata a prima vista, ma dopo un breve periodo di adattamento, il software diventa relativamente facile da utilizzare. Augustus Loop è disponibile per Windows e Mac e costa 50 euro (a marzo 2021).

Ci piace il fatto che Augustus Loop sia un plugin VST e che possa quindi essere integrato in una Digital Audio Workstation. Il programma offre una varietà di opzioni di impostazione, ma la maggior parte di esse riguarda la funzionalità di delay. Esiste anche una versione demo del software sul sito web di Augustus Loop, nel caso in cui si preferisse avere un assaggio prima dell’acquisto.

Augustus Looper Software

Fonte: https://www.expert-sleepers.co.uk/augustusloop.html

Loop software gratuito per PC

Oltre ai pesi massimi DAW con funzionalità looper, ci sono anche numerosi plugin VST looper gratuiti e loop station software eseguibili in maniera indipendente. In questa parte dell’articolo vi forniamo una breve panoramica di un looper software gratuito per PC che ci è piaciuto molto.

SooperLooper

SooperLooper è un client gratuito per il JACK- Audiosystem e come tale può essere utilizzato su piattaforme che supportano JACK, ovvero Linux e OS X. SooperLooper è disponibile gratuitamente e ha un’interfaccia utente un po’ disordinata ma facile da apprendere con grandi pulsanti “Record”, “Overdub” e “Undo”.

Quello che ci piace particolarmente di SooperLooper è l’incredibile quantità di opzioni di impostazione offerte dal programma, nonostante sia completamente gratuito.

SooperLooper Looping Station App Mac

Fonte: http://essej.net/sooperlooper

Mobius

Mobius è un loop station software per Windows e Mac. Il programma può essere utilizzato come app standalone o come plugin VST, che consente l’integrazione con una DAW come Ableton Live, FL Studio, Cubase o Logic Pro. Mobius è gratuito e, grazie al supporto per Windows XP, funziona praticamente su qualsiasi computer.

Mobius ti consente di creare facilmente loop. Ci sono dei pulsanti dedicati “Record”, “Overdub” e “Undo”. Inoltre, il programma offre molte altre opzioni di impostazione.

Loop Station Mobios Windows

Fonte: https://www.matrixsynth.com/2006/10/mobius-free-software-looper.html

L’interfaccia Mobius richiede un po’ di tempo per adattarsi, ma ci piace molto il fatto che questo loop software per PC e Mac possa essere utilizzato sia come programma standalone che come plugin VST e il fatto che sia completamente gratuito.

Conclusione

Sul mercato è disponibile un’ampia varietà di loop station software, sia a pagamento che gratuiti. Se stai già utilizzando una DAW con cui ti trovi bene, allora per te entrare nel mondo dei looper software potrebbe essere molto semplice grazie ai plugin VST, dato che la maggior parte dei looper software è disponibile in questo formato. Ma al di fuori del mondo dei plugin sofisticati esistono anche svariate buone app standalone che possono essere adatte alle tue richieste per un looper.

*) We provide links to selected online stores and partners from which we may receive compensation. Changes of prices, delivery time and costs are possible. All prices are incl. tax, plus shipping when indicated.