Boss RC-3 Loop Station - Recensione

A nostro avviso, la Loop Station Boss RC-3 offre una dotazione estesa e un gran numero di caratteristiche interessanti che promettono di apportare un reale valore aggiunto.

Ci siamo chiesti: cosa è davvero in grado di fare il modello Boss lanciato nel 2011? I singoli componenti lavorano bene assieme? E in pratica come si può gestire la Loop Station? Per rispondere a queste domande, lo abbiamo esaminato da vicino.

Contesto

Con il modello RC-3 la Boss si è proposta di ottimizzare la propria serie di Loop Station. Boss è senza dubbio uno dei produttori più grandi e di maggior successo del settore. I pedali loop stanno diventando sempre più popolari fra i chitarristi e i bassisti. In particolare, le possibilità di espressione sul palco, da cui traggono enormi benefici specialmente i singoli musicisti, vengono molto elogiate. Le varianti Boss non hanno nulla da invidiare rispetto ad altri pedali con effetti puramente classici (ritardo, distorsione, ecc.).

Nel 2001, a seguito del boom mondiale di looper sia economici che potenti, la Boss si è riservata la creazione dell’RC-20. Oltre all’RC-30 che ha un formato a doppio pedale, il modello Boss RC-3 è il vero degno successore del leggendario RC-2. A nostro avviso, le apparecchiature ad alte prestazioni continuano ad alzare il livello per i produttori.

Il Looper è compatto, estremamente stabile e sembra quasi invisibile. Le dimensioni (L x P x H) sono solo 73 x 129 x 59 millimetri e il peso è di 450 grammi. Ma le dimensioni ridotte potrebbero ingannare.

Ecco una rapida carrellata su ciò che offre la Loop Station Boss RC-3:

  • Loop stereo: ingressi e uscite stereo sono integrati
  • Capacità di registrazione integrata di tre ore
  • Accesso a dieci pattern ritmici di batteria
  • Possibile il funzionamento a batteria
  • 99 locazioni di memoria per registrare i loop
  • Porta USB 2.0 per il collegamento al computer
  • La nostra impressione: la lavorazione è di prima qualità

I dettagli tecnici in pratica

Prima che l’RC-3 Boss entrasse sul mercato, nella serie Boss solo l’RC-50 era dotato di riproduzione stereo. Quindi è stato proprio l’RC-3 Boss a cambiare le cose. Ovviamente, Il looping in stereo è molto più divertente e può anche essere ascoltato. Senza dubbio, questo è il primo grande vantaggio di questo piccolo dispositivo. Anche la capacità di registrazione fino a tre ore è una novità assoluta. La durata è pienamente sufficiente anche per un lungo concerto. Questo è un vero e proprio salto di qualità rispetto alla Loop Station RC-2. Anche la porta USB integrata è impeccabile, infatti nel nostro caso l’importazione e l’archiviazione dei loop sul PC ha funzionato perfettamente. Svariate versioni di Windows e Mac OS hanno riconosciuto istantaneamente la Loop Station come unità USB esterna. Il formato audio utilizzato è il WAV (Wave Format) con codifica lineare, una frequenza di campionamento di 44,1 kHz e una risoluzione a 16 bit.

Grande varietà grazie alle varie combinazioni di connessioni

I loop possono essere memorizzati nella Loop Station Boss RC-3 a batteria su un totale di 99 locazioni di memoria. Nel nostro caso, anche questo aspetto ha funzionato senza problemi fino al riempimento di tutta la capacità di archiviazione.

loop station recensione relazione loopstation confronto boss rc3 looper
loop station recensione relazione loopstation confronto boss rc3 looper

Inoltre, è possibile utilizzare varie combinazioni di connessioni. A tua disposizione ci sono ingressi e uscite stereo nel classico formato jack. Puoi scegliere tra:

  • AB/AB (per stereo completo)
  • A/AB (per dividere un segnale mono su due canali di uscita)
  • AB/A (per convertire un segnale stereo in mono)
  • A/A (per funzionamento mono puro)
  • B/AB (per un segnale che appare solo su B)
loop station recensione relazione loopstation confronto boss rc3 looper
loop station recensione relazione loopstation confronto boss rc3 looper

Playalong e caratteristiche simili

Grazie a questa ampia varietà, puoi scegliere sempre la combinazione più adatta alle tue esigenze. Così puoi fare anche degli accompagnamenti prendendo la parte mancante. Se lo si desidera o è necessario, la chitarra e il basso possono condividere un looper. Otterete un’ottima sincronizzazione mettendovi d’accordo sul chi deve usare il pedale e quando. Per poter accendere il dispositivo, è necessario che un connettore jack sia collegato all’uscita A.

Usa l’ingresso AUX per registrazioni speciali

loop station recensione relazione loopstation confronto boss rc3 looper

Se si desidera eseguire il loop di altre sorgenti sonore, è necessario utilizzare anche l’ingresso AUX. Quest’ultimo è progettato come un mini-jack stereo. L'ingresso AUX è ideale per il looping di più fonti senza l’utilizzo di un mixer (ad es. da un laptop, uno smartphone o un lettore MP3). Tuttavia, non è possibile rimuovere o silenziare il segnale in ingresso dai canali di uscita desiderati. Se vuoi farne a meno, dovrai effettuare tu stesso la saldatura. Ma fai attenzione, poiché questa operazione invaliderà la garanzia.

Rhythm Guide per un loop perfettamente temporizzato

Il Rhythm Guide, con un totale di dieci pattern ritmici di batteria, ti aiuta a registrare un loop perfetto e con un tempismo impeccabile. Fra i vari pattern ritmici sono compresi pop, rock, shuffle, R&B, funk e latino. In qualsiasi momento è possibile modificare il ritmo (3/4 e 4/4) e il tempo. Se lo desideri, assieme al loop puoi salvare i pattern ritmici di batteria, il ritmo e la sua struttura. Un potenziometro separato controlla il volume dei tamburi. Il tempo può essere “settato” utilizzando il pulsante Tap tempo.

Altre funzionalità

Oltre ai vantaggi già menzionati, il modello RC-3 Boss offre anche altre funzionalità utili: ad esempio, il volume di ciascun loop può essere controllato individualmente.

loop station recensione relazione loopstation confronto boss rc3 looper

Esistono due modalità per avviare una registrazione: non appena si avvia la riproduzione o si avvia un dispositivo di riproduzione collegato, la Loop Station avvia la registrazione tramite la funzione Auto Record. Per poterlo fare tuttavia, il prerequisito è che l’RC-3 Boss sia inizialmente "settato" sull’interruttore a pedale. Una seconda opzione è la funzione Rythm. La registrazione inizia dopo aver contato una misura a vuoto. Se volessi rischiare qualche operazione, puoi sempre usare la funzione Undo/Redo per tornare indietro. Inoltre, è disponibile anche una vasta gamma di controller:

  • Pulsante del pedale
  • Pulsante di On/Off del ritmo
  • Controllo dell’uscita Rhythm (Drums)
  • Controllo dell’uscita del loop
  • Pulsante Memory Up (per scegliere tra i vari loop in memoria)
  • Pulsante Memory Down
  • Pulsante Write
  • Pulsante Tap Tempo

Conclusione

La Loop Station Boss RC-3 per noi rappresenta un miglioramento significativo rispetto al precedente modello RC-2 in termini di prestazioni, compattezza e performance. Soprattutto a causa del numero massimo di loop e della capacità di registrazione di tre ore, la Loop Station RC-2 non può davvero competere con l’RC-3. Inoltre, rispetto alla precedente versione, si possono anche eseguire loop in stereo, cosa che in precedenza era possibile solo con l’RC-50 della serie Boss.

È impressionante anche la capacità della Loop Station Boss RC-3. Grazie alla memoria da 1,7 Gigabyte, puoi tenere un concerto completo, più vari bis, senza alcun problema.

Questo articolo è frutto di una esperienza soggettiva. Non possiamo essere ritenuti responsabili della correttezza, stato di aggiornamento e completezza delle informazioni riportate sulle pagine collegate. Alcuni dei contenuti visualizzati su questo sito web provengono da Amazon. Questi contenuti vengono forniti “così come sono” e potrebbero essere modificati o eliminati in qualsiasi momento.

Autore: Loopstation Team
Pubblicato il: 2020-07-09
Ultimo aggiornamento: 2020-08-02

Come ti è piaciuto questo rapporto sul campo

4.92 su 5
37 recensioni